UnionCamere Abruzzo - Trail Osservatorio Regionale Trasporti Infrastrutture e Logistica - Sito Ufficiale

[Vai al menu principale]    [Vai al menu di sezione]    [Vai al contenuto della pagina]

Logo TRAIL Abruzzo - Osservatorio Regionale Infrastrutture Trasporti e Logistica
Cartina dell'Abruzzo

  MONITORAGGIO OPERE
Aeroporti
Infrastrutture Settoriali
Nodi Logistici
Porti
Porti Turistici
Rete Autostradale
Rete Ferroviaria
Rete Stradale

  INFORMAZIONI
Chi Siamo
Partner
Comitato di redazione
Perchè un osservatorio?
Il contesto di riferimento
Obiettivi e caratteristiche
L'Economia abruzzese
Proposte e strategia
Dati statistici
Organizzazioni
Operatori Economici
Consumatori
Eventi & Formazione
FAQ

[

Valid CSS!

]

 

[

Level Triple-A Conformance to Web Content Accessibility Guidelines 1.0

]

 

[

Valid HTML 4.01 Strict!

]


[

MYSQL Powered

]

 

[

APACHE Powered

]

 

[

PHP Powered

]



Sito accessibile



Venerdì, 24 Novembre 2017 - Ore 21:32

[

HOME PAGE

]

[

NEWS

]

[

DOCUMENTI

]

[

LINK UTILI

]

[

CONTATTI

]


  COMPLETAMENTO INTERPORTO D'ABRUZZO  
Nodi Logistici

 Obiettivo
L’obiettivo in parola opera nell’ottica della considerazione che la maggior caratterizzazione di “Transport Intensive” dei sistemi economici, fa dell’ottimizzazione della logistica, l’ultima frontiera della competitività. Peculiarità, questa, da ricercare attraverso un continuo miglioramento sia delle infrastrutture materiali che di quelle immateriali, la cui realizzazione non può prescindere dal supporto della logistica pubblica. Il fattore logistico, quale risorsa del territorio in grado di generare autonomamente reddito, senza la vicinanza del fattore produzione, diviene a pieno titolo, fattore strategico nel settore della pianificazione dei trasporti di un paese, cioè di quegli atti di governo che appartengono alla politica dei trasporti.
I centri logistici territoriali, in particolare, per la loro natura, legata al ruolo di nodo fondamentale del sistema infrastrutturale/programmatico della rete regionale dei trasporti, caratterizzati da gestioni con composizioni societarie di tipo misto o a prevalenza pubblica, si possono qualificare come interlocutori privilegiati nei confronti del governo centrale e degli enti territoriali di competenza ed appartenenza, nella definizione di scelte e indirizzi programmatici comuni, tesi ad un potenziamento del sistema territoriale di sviluppo logistico delle economie locali.
La finalità generale dell'intervento in atto è quella di dare piena funzionalità all'intera struttura, sia verso l'esterno tramite il miglioramento dei collegamenti infrastrutturali, sia verso l'attivazione definitiva delle opere ferroviarie, poste all'interno dell'interporto, al fine di raggiungere l'economicità di gestione del traffico intermodale e di quello tradizionale diretto all'Interporto.
La realizzazione degli interventi permetterà all’Abruzzo di sfruttare le opportunità derivanti dall’aumento dei traffici tra l’Italia e i Paesi del Sud del Mediterraneo e dell’Est europeo e consentirà all'Interporto di svolgere la funzione di importante supporto logistico alla realizzazione di una veloce rete di trasporto lungo l’Adriatico
 Descrizione
L'infrastruttura dell’Interporto, con una superficie complessiva di 960.000 mq., trova insediamento nell’area del sistema urbano Chieti-Pescara. Tale area rappresenta il polo principale delle attività di interscambio e commercializzazione della Regione trovandosi all’incrocio dei due principali corridoi distributivi NORD-SUD ed EST-OVEST.
La scelta localizzativa, in grado di determinare la probabilità di successo del nodo stesso, è stata operata in quanto in grado di garantire l’insediamento in tangenza ad una direttrice autostradale, collegabile facilmente alla rete ferroviaria ed in prossimità dell’Aeroporto e del porto di Ortona, ma in primis per la sua posizione baricentrica rispetto ad un’area di interscambio più ampia rispetto ai confini regionali.
L'infrastruttura, inserita nel sistema logistico regionale, è un esempio virtuoso di Public Private Partnership. Attualmente infatti sono in corso di realizzazione i lavori di ampliamento e completamento del sistema interportuale, la cui definitiva attivazione è prevista per i primi mesi del 2011.
La piattaforma è inserita nello SNIT (Sistema Nazionale Integrato dei Trasporti) e quindi riconosciuta come nodo dei grandi corridoi europei nell'ambito del sistema trasportistico nazionale e come componente del sistema logistico regionale.
Per quanto riguarda il collegamento con i sistemi viari, o meglio la connessione con la viabilità autostradale, è prevista la realizzazione di svincolo autostradale con casello dedicato interconnesso alla A25, con ubicazione in Manoppello Scalo a soli 1,5 km dal gate di ingresso dell’Interporto.
Tale opera in grado di migliorare notevolmente l’afflusso e il deflusso del trasporto via gomma, avente origine o destino nell’area interportuale, agevolerà il linkaggio con gli altri sistemi viari a scorrimento veloce contribuendo a mitigare le emissioni acustiche ed atmosferiche, oltre che a decongestionare le altre arterie.
Tra i servizi offerti, oltre ad uno stock di magazzini general purpose di 80.000mq. corrispondenti ai più alti standard della logistica moderna e ai piazzali con stalli per il rimessaggio dei mezzi pesanti, l’interporto grazie al terminal ferroviario servito da due ‘yard’ promuoverà l’intermodalità e il combinato terrestre, nonchè nuovi sistemi di distribuzione in ambito urbano.
In tale contesto va precisato che il raccordo ferroviario, pur se tecnicamente attivato, allo stato, per la entrata in esercizio è necessario procedere alla firma del Contratto di Raccordo, che consente l’utilizzo dello stesso per i traffici ferroviari nonché, in base al Protocollo d’Intesa a suo tempo sottoscritto, attivare la seconda Fase concernente il telecomando dello scambio di ingresso all’Interporto.
Riguardo alla gestione dell’infrastruttura nell’interporto d’Abruzzo operano già due società, ciascuna con competenze e focus su un core business ben specifico:
- La società Interporto Val Pescara SpA, che risulta essere concessionaria per la gestione del terminal ferroviario, o meglio risulta essere l’operatore che governa il processo logistico dell’ultimo miglio ferroviario;
- La società Intermodale srl (Soc. di Progetto costituita ai sensi dell’art. 156 del D.Lgs. n. 163/2006) che risulta essere il concessionario per la realizzazione delle opere di cui al progetto di “Ampliamento dell’Interporto Chieti-Pescara ed opere esterne di collegamento alla viabilità principale” che andranno a completare l’infrastruttura. La stessa gestirà sia le opere realizzate con l’intervento prima fase finanziato con risorse comunitarie di cui al programma POP Abruzzo 94/06, sia quelle in fase di realizzazione di cui al progetto di finanza co-finanziato con risorse comunitarie del DocUP Abruzzo 2000-2006 e con risorse del privato concessionario.
 Rilevanza Geografica
Nazionale ed internazionale assegnata dal PGTL, nell'ambito del sistema del traffico merci
 Documentazione Tecnica
L’avvio dei lavori origina con il provvedimento di G.R. n. 5690/1995 che, in tal senso disponeva per l’utilizzo di risorse per 60 miliardi vecchie lire di cui ai fondi FERS del Programma Operativo Plurifondo Abruzzo 94-96.
In tale contesto trovano, altresì, definizione gli ulteriori interventi integrativi di cui:
- il primo intervento funzionale seconda e terza fase a valere sui finanziamenti di cui alle Leggi n. 240/90 e n. 341/95 per un importo complessivo di circa M€ 24,00;(concernente realizzazione del fascio ferroviario interno all’interporto e collegamento dellos tesso alla linea Pescara-Roma);
- gli interventi di cui all’Intesa Istituzionale finanziati con risorse di cui all’APQ7 (delibera CIPE n. 84/2000) < interventi 1 e 2 > per complessivi circa M€ 10,32 (concernenti realizzazione di un parco e di infrastruttura nelle aree dell’Interporto).
Il tutto si completa con l’attuale intervento.
Su tale struttura realizzativa e finanziara si sopvrappone l’intervento di completamento, consistente, in linea generale, nella realizzazione di uno svincolo autostradale, realizzazione di magazzini modulari, denominati “M”, magazzini, denominati “T1, T2 e T3”, del tipo ferro-gomma e gomma-gomma, e relativi piazzali, piazzali containers, palazzina direzionale, ecc. promosso dall’inizativa di project –financing previsto un cofinanziamento pubblico-privato dell’importo complessivo di circa M€ 85 che trova copertura finanziaria, per la parte pubblica nelle risorse previste dal DocUP Abruzzo 2000/2006, ob. 2, misura 1.1.
Il costo realizzativo dell'opera, ammonta, pertanto, a circa 150 milioni di euro, la cui copertura finanziaria è stata ed è assicurata dal concorso di risorse pubbliche comunitarie per circa M€ 85 (intesi quali risorse ripartite tra quote comunitarie/Nazionali/regionali) nazionali per circa M€ 34 oltre a risorse private per circa M€ 31.
Il PRS 1998-2000 individua nel punto “Programma infrastrutture fisiche e telematiche” il rafforzamento delle infrastrutture regionali, come condizione per il miglioramento del tessuto produttivo locale.
Il DocUP Abruzzo 2000-2006, Ob. 2, nella Misura 1.1. “Sistema Intermodale regionale” prevede aiuti (risorse FERS) finalizzati alla creazione di una logistica integrata, attraverso la realizzazione di un vero e proprio sistema logistico regionale pubblico principale in cui l'Interporto Chieti-Pescara localizzato in Manoppello Scalo, riveste una caratterizzazione strategica.
Il D.P.E.F.R. 2006/2008, approvato dal Consiglio Regionale in data 28/12/2005, con deliberazione n. 23/2, nell’ambito della politica dei trasporti e mobilità, in termini di interventi infrastrutturali, conferma le strategie di potenziamento e completamento dei centri intermodali indispensabili al conseguimento dell’integrazione e della diversificazione modale.
La Giunta Regionale con Deliberazione n.207 del 5 marzo 2007, ha approvato il progetto di finanza relativo al completamento dell’Interporto Chieti-Pescara, nella versione aggiornata del settembre 2006 completa dei verbali della Conferenza dei Servizi Preliminare e del rapporto di controllo finale (del 21/12/2006) dell’Assistenza tecnica al RUP e comprensivo della documentazione tecnica, atti necessari per l’affidamento dei lavori mediante concessione (art. 9 DPR n. 554/99);
Con determinazione dirigenziale n. DE3/20 del 06/05/2009 è stato approvato il progetto esecutivo concernente “Ampliamento dell’Interporto Chieti-Pescara ed opere esterne di collegamento alla viabilità principale” quale intervento da realizzare in progetto di finanza.
 Stato di Avanzamento
Esecutivo
Interventi realizzati:
L\'impianto allo stato attuale dispone di una palazzina uffici di circa 3.000 mq., di quattro magazzini per circa 20.000 mq., in parte serviti da raccordo ferroviario, aree pertinenziali e di parcheggio, nonchè viabilità interna e di raccordo con la SS 5 Tiburtina, di binario di raccordo con relativo fascio di presa e consegna che è in fase avanzata di realizzazione con previsione di entrata in esercizio nel primo semestre 2008. In questa fase è molto intensa anche l\'attività dei Comuni, nella quale il Comune di Manoppello ha messo a disposizione del 2007, 11 milioni di euro per la realizzazione delle opere di urbanizzazione dell\'area dell\'Interporto, come la deviazione del tratto ferroviario Roma-Pescara all\'interno della zona interportuale e di uno svincolo dell\'autostrada A 25 munito di relativo casello.

Interventi futuri
I futuri interventi dotati di progettazione esecutiva riguardano:
1) Il Completamento infrastrutturazione dell\'Interporto.
L\'intervento, di circa 9 milioni di euro è stato assegnato al Comune di Manoppello, che ne sta curando la progettazione e l\'appalto delle opere, i cui lavori dovrebbero iniziare nel 2008.
2) Parco Naturale dell\'Interporto
3) Raccordo ferroviario linea FS Pescara-Sulmona-Roma, già realizzato, che sarà messo in esercizio nel primo semestre del 2008
4) Raccordo ferroviario interno, magazzino, corrieri e spedizionieri, rete informatica e telematica
5) Connessione dell\'Interporto con la viabilità autostradale a mezzo della realizzazione di un casello dedicato.
Nello stesso intervento di finanza mista (Docup 2000-2006) è prevista la costruzione di altri 50.000 magazzini, in gran parte raccordati con la ferrovia, nonchè della seconda piattaforma intermodale e di altre opere di completamento. Il programma, oggetto di project financing è assistito da cofinanziamento privato per il 30% e supportato da soluzione progettuale presentata dal Promotore.
L\'intervento complessivamente ammonta ad oltre 70 milioni di euro.

Gennaio 2013. Lavori relativi alla realizzazione del casello autostradale A-25 all’interporto: termine di chiusura settembre 2013 (Vedere nella voce “Foto e allegati” la news del 30 gennaio 2013).
Ottobre 2013. Partito il nuovo collegamento ferroviario merci tra l’interporto e la piattaforma intermodale del gruppo Contship (terminal di Melzo) in Lombardia. L\'iniziativa rientra nel contratto di rete \"Abruzzo Intermodability\". (Vedere nella voce “Foto e allegati” la news del 16 ottobre 2013),
Dicembre 2013. I lavori relativi alla realizzazione del casello autostradale all’interporto risultano terminati, ma l’infrastruttura non è stata inaugurata.
Aprile 2014. Inaugurato il casello autostradale uscita Manoppello A 25 (Vedere nella voce \"Foto e allegati\" la news del 4 aprile 2014).
Novembre 2015. Approvazione schema di convenzione tra Regione Abruzzo e Società Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) per l\'affidamento alla stessa di soggetto attuatore nell\'ambito del completamento dell\'Interporto Chieti-Pescara. L\'intervento dovrà essere realizzato entro il 31/12/2015. (Vedere nella voce \"foto e allegati\" la news del 20 novembre 2015).
 Finanziamento
1)Programma Operativo Plurifondo abruzzo 94-96 , sottoprogramma 1 “Comunicazioni”, Misura 1.3, Centri Intermodali. Progetto per la Realizzazione dell’Interporto Chieti-Pescara in L.tà Manoppello Scalo (PE). Intervento I° lotto – prima fase funzionale costituito da: realizzazione di viabilità, sottopassi, ampi piazzali, parcheggi, bretella di collegamento alla SS 5 Tiburtina Valeria, piattaforma intermodale per l’interscambio ferro-gomma di containers, piazzali di carico e stoccaggio, Centro direzionale, aree di servizi, magazzini ecc.
Importo M€ 30,99 (fonte finanziaria programma comunitario risorse FERS);
2) Accordo di Programma Quadro n. 7- Completamento Interporto Val Pescara e Centro Smistamento Merci Marsica:
- intervento APQ7/1: Infrastrutture stradali di completamento - Completamento Interporto Val Pescara
Realizzazione di nastro stradale a servizio del centro autotrasporto, magazzini gomma-gomma e di 18.000 mq di parcheggio controllotao per mezzi commerciali (fonte finanziaria L. 208/98 - delibera CIPE n. 84/2000).
- intervento APQ7/2: Parco Naturale dell’Interporto : realizzazione di 102.500 mq di parco naturale.
Importo: M€ 1,38 (fonte finanziaria Legge n. 208/98 - delibera CIPE n. 84/2000).
3) Raccordo ferroviario alla linea FS Pescara-Sulmona-Roma : Realizzazione del raccordo ferroviario della lunghezza di circa 2 km, tra la linea ferroviaria Pescara-Sulmona-Roma e il fascio ferroviario interno all’Interporto.
Importo: M€ 8,53 (fonte finanziaria Legge n. 240/90)
4) Fascio ferroviario interno, magazzino corrieri e spedizionieri, rete informatica e telematica: Realizzazione del fascio ferroviario di presa, consegna, riordino ed opere connesse;
Importo: M€ 15,49 (fonte finanziaria Legge n. 341/95)
5) DocUP Abruzzo 2000/2006, Obiettivo 2, Misura 1.1- Inizativa di project –financing inerente alla realizzazione delle opere di completamento dell’Interporto costituite da: svincolo autostradale (sulla A25) per collegamento dell’Interporto alla viabilità primaria e con casello di ingresso/uscita, realizzazione di magazzini modulari, denominati “M” in ambito di area intermodale, seconda piattaforma intermodale, magazzini (con superficie coperta di circa 30.000 mq) in area monomodale autoportuale, banchini coperte sui magazzini, denominati “T1, T2 e T3”, del tipo ferro-gomma e gomma-gomma, relativi piazzali, piazzali containers, palazzina direzionale (con superficie coperta di circa 2.560 mq), opere a verde, ecc.
Importo: M€ 85 (fonte finanziaria: Fondi comunitari di cui al DocUP Abruzzo 2000/2006 e risorse private).
Importo: 74 milioni di euro di cui 52 milioni da fondi regionali e 22 milioni dai privati.
Realizzazione casello A-25 uscita interporto: 12 milioni di euro, di cui 8 stanziati dalla Regione e 4 dai privati (Vedere nella voce \"Foto e allegati\" la news del 30 gennaio 2013).
Novembre 2015. 2 milioni e 420 mila euro relativi al completamento dell\'Interporto previsti nel PAR-FSC 2007-2013 (Vedere nella voce \"Foto e allegati\" la news del 20 novembre 2015).
 Comuni interessati all'intervento
in Regione: Chieti (Chieti)
Manoppello (Pescara)
Pescara (Pescara)
 Province di appartenenza
Chieti - Pescara - 
 Foto & Allegati

[

Preleva il documento PDF (12 KB)

]

Elenco annuale

Fonte: www.regione.abruzzo.it

[

Preleva il documento PDF (12 KB)

]

Articolazione copertura finanziaria

Fonte: www.regione.abruzzo.it

[

Preleva il documento PDF (10 KB)

]

Risorse disponibili

Fonte: www.regione.abruzzo.it

[

Preleva il documento PDF (16 KB)

]

D.G.R. n.214 del 21 Marzo 2008

Fonte: www.regione.abruzzo.it

[

Preleva il documento PDF (1,49 MB)

]

Decreto Presidente di Giunta e Accordo di Programma

Fonte: www.regione.abruzzo.it/BURA

[

Preleva il documento PDF (7 KB)

]

News del 3 marzo 2011

Fonte: www.regione.abruzzo.it/notizie

[

Preleva il documento PDF (149 KB)

]

Determinazione DE3/20 del 6 maggio 2009

Fonte: www.regione.abruzzo.it/BURA

[

Preleva il documento PDF (6 KB)

]

News del 27 ottobre 2010

Fonte: www.ilcentro.it

[

Preleva il documento PDF (5 KB)

]

news 4 aprile 2014

Fonte: Il messaggero d'abruzzo

[

Preleva il documento PDF (28 KB)

]

News 20 novembre 2015

Fonte: www.regione.abruzzo.it/notizie

[

Preleva il documento PDF (6 KB)

]

News del 14 dicembre 2012

Fonte: Il Centro d'Abruzzo

[

Preleva il documento PDF (10 KB)

]

News 30 gennaio 2013

Fonte: Il Messaggero d'Abruzzo

[

Preleva il documento PDF (32 KB)

]

News del 10 novembre 2011

Fonte: Il Messaggero d'Abruzzo

[

Preleva il documento PDF (1,97 MB)

]

PAR FAS 2007-2013

Fonte: www.regione.abruzzo.it/programmazione
Ultimo Aggiornamento: Aprile 2014

  Copyright © Unione Regionale C.C.I.A.A. d'Abruzzo

[

Privacy

]

 - 

[

Area Riservata

]

[

Powered by Playsoft

]

  
Unione Regionale C.C.I.A.A. d'Abruzzo (Unioncamere Abruzzo) - Via F. Savini 50 - 64100 Teramo - Tel. 0861 335212-55 - Fax 0861 245648 -

[

info@abruzzo.camcom.it

]

-

[

www.unioncamereabruzzo.it

]